A spasso per Genova

Blog Tour | 27 maggio 2017 | By

 

Ci accoglie così il Porto Antico di Genova.
Sapete cos’è quella sfera?
Quando visito una città, mi piace sapere ogni cosa, le particolarità di quel luogo.
Io trovo che la Biosfera sia affascinante. Mi è capitato di passarci davanti diverse volte e ogni volta la fissavo come fosse la prima.Ho studiato botanica, un esame passato con il massimo dei voti, tra le altre cose. Però, perché c’è sempre un però, non ho il pollice verde.
Mi piace avere in casa fiori e piante, ma dovrei impegnarmi di più nella loro cura. 

La Biosfera è in vetro e acciaio situata in mare accanto all’acquario ospita farfalle, iguane, felci e varie specie di piante tropicali che riescono a vivere grazie ad una particolare disposizione automatica che delle tende poste sulle pareti interne della sfera consentono il penetrare di un adeguato livello di calore solare dall’esterno. È stata progettata dal famoso architetto genovese Renzo Piano e inaugurata nel 2001 come simbolo del mondo in occasione del Vertice del G8 tenutosi a Genova.

Si passeggia e si beve un caffè in un tipico bar genovese. Avete notato le piastrelle ? Tutto profuma di mare.

 

Io sono rimasta affascinata da questa scala. E come me, tutti quelli che hanno la possibilità di vederla e fotografarla all’interno dell’Hotel.

Oltre che meravigliosa, ha anche una particolarità.

Nel 1926 Alfred Hitchcock soggiornò nell’Hotel Bristol Palace in occasione delle riprese di alcune scene, girate nel porto di Genova, del film Il labirinto delle passioni (The Pleasure Garden) e si narra che la scala ellittica dell’albergo gli abbia dato ispirazione per il film Vertigo

 

 

Passeggi tra i vicoli della città, alzi gli occhi e vedi angoli di cielo a Genova

 

A due passi dal centro di Genova si trova la spiaggia di Boccadasse, con variopinte casette arroccate, è l’ ideale per una piacevole passeggiata all’aria aperta o per rilassarsi seduti sugli scogli a guardare ed ascoltare il rumore del mare.
 
Boccadasse è un vecchio borgo marinaio che ha mantenuto tutte le caratteristiche di un vecchio villaggio di pescatori ligure. Si notano le reti stese al sole ad asciugare, un’atmosfera serena, tante trattorie che si affacciano sulla spiaggetta, le barche adagiate lungo la riva. Questo è uno dei quartieri prediletti dai genovesi per le passeggiate della Domenica.
Boccadasse deve il suo curioso nome alla forma dell’insenatura su cui sorge, che dall’alto sembra una bocca d’ase, vale a dire bocca d’asino in genovese. Le leggende narrano che i primi ad approdare sulla spiaggia di Boccadasse furono marinai spagnoli le cui imbarcazioni si imbatterono in una forte tempesta e riuscirono a salvarsi protetti da questa insenatura. Salvati da queste rocce decisero di insediarsi, dando vita a questo splendido borgo.
 

 

E per pranzo, tappa da GE8317

Un locale tipico, per cui vale la pena fermarsi. il pesce viene pescato proprio da Mario e poi cucinato. Quindi, non temete, è freschissimo.

Mario ci racconta il progetto Ittiturismo, che coinvolge la storica imbarcazione da pesca Ge8317, che è la più fotografata di Genova.
Ge8317 vi porta a pescare e poi in compagnia si pranza con il pesce fresco della mattinata.

Mario ci tiene a precisare che … … … Cozze?  NO! Muscoli! Non chiamatele cozze, potrebbero guardarvi male a Genova 😉
Trofie al nero di Seppia, gamberetti e vongole e per concludere fritto misto.

Un pranzo delizioso!

Grazie Mario per l’accoglienza! Giovani che vorrebbero diventare pescatori? Forza! Fatevi avanti! C’è bisogno di mantenere le tradizioni! <3

 

Muscoli

 

E poi Genova ci saluta così con un bouquet di basilico vista mare e tante lucine che illuminano la notte.

Arrivederci Genova e grazie per averci accolto

 

Se vi può interessare, leggete anche  Genova: un blog tour che profuma di mare

 

Comments

Be the first to comment.

Leave a Comment

You can use these HTML tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

CONSIGLIA Blini con pesto di pomodorini secchi, basilico e mandorle