Eccellenza del territorio cremonese: il Torrone

Eccellenza del territorio cremonese: il Torrone

A Novembre la città di Cremona si tinge di Dolcezza con … il torrone …

La Festa del Torrone, evento enogastronomico tanto atteso!

Ci sono molti modi per gustare il Torrone. Il primo, più immediato è quello al naturale, magari abbinato ad un vino o un liquore. 
Oppure in cucina, per chi è appassionato di ricette e tradizione si può utilizzare non solo nelle preparazioni dolci, ma anche salate creando piatti originali.

 

 

In altri post vi ho parlato della storia di vari prodotti, perché si possa assaporare al meglio il prodotto stesso. Ora vi racconto come nasce il Torrone. Si, le storie d’amore mi piacciono! <3

 

Nel XIII secolo Cremona fu proclamata capitale del Nord Italia, così l’Imperatore Federico II vi si stabilì con la propria corte che era un punto di incontro tra la cultura occidentale, latina e araba. Furono i suoi cuochi a inserire probabilmente la gustosa preparazione. Inizialmente però la ricetta era un pochino diversa, viene descritto come una specie di croccante privo di albume e a base di zucchero, acqua di rose e frutta secca.

La leggenda però narra che il torrone sia nato in occasione di un matrimonio. Ecco, sentimentale e romantica quale sono, adoro queste narrazioni.

Il matrimonio tra Bianca Maria Visconti, figlia del duca di Milano Filippo Maria, e il condottiero Francesco Sforza. ( la parola condottiero mi affascina un sacco, mi fa immaginare proprio quel momento ).

Era il 25 ottobre 1441. Un bellissimo matrimonio che ha visto la partecipazione di tutto il popolo. In quell’atmosfera si narra che i pasticceri di Cremona abbiano voluto rendere omaggio alla sposa inventando un nuovo dolce e dandogli la forma del Torrazzo o Torrione, la torre campanaria della città.

Nel 1572, vista la diffusione, il Senato di Milano  impone la vendita in confezioni dal peso stabilito. Da quel momento è consuetudine portare in tavola il torrone in occasione delle feste, come ad esempio il Natale.

Inizialmente la produzione era affidata solo alle botteghe speziali, la più importante era quella del droghiere Curtarelli, che passò poi nelle mani di Augusto Fieschi e nel 1836 acquistata da Enea Sperlari.

 

Qualche nozione in più su Enea Sperlari e l’azienda che porta il suo nome la trovate al link che segue.
Tour Enogastronomico

 

il torrone

 

Gli ingredienti principali del torrone sono:

Miele, zucchero, albume, mandorle e nocciole 

La Festa del Torrone si svolge già da diversi anni nel mese di novembre. Produttori da tutta Italia si riuniscono per farci degustare vari tipi di Torrone. Durante la manifestazione sono presenti interessanti eventi a cui si può partecipare.

Il matrimonio tra Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza
 La sfilata storica di sbandieratori e musici.
Torrone Photomathon: i partecipanti, professionisti e amatori, si sfideranno a colpi di scatti fotografici nella città 

 

il torrone

 

 

il torrone

 

 

Come raggiungere la Festa del Torrone

Auto:

Parcheggio P.zza Marconi
Per accedere al parcheggio auto sotterraneo (a pagamento) di Piazza Marconi si potrà accedere da via Tibaldi e da via Ala Ponzone. quest’ultima durante i giorni della Festa avrà senso di marcia invertito con ingresso da C.so Vittorio Emanuele II e percorrendo via Albertoni.
Uscita Cremona per i veicoli provenienti da Brescia, Verona, Trento, poi direzione centro e indicazione per parcheggi Corona:

  • via Mantova piazzale Croce Rossa
  • via Dante Area Stazione ferroviaria

Uscita Castelvetro Piacentino per i veicoli provenienti da Milano, Torino, Parma. A destra in direzione Cremona, dopo il ponte sul Fiume Po seguire le indicazioni dei Parcheggi Corona:

  • viale Po/via della Ceramica ‘ Area Frazzi
  • via Massarotti ‘Autosilo Massarotti

Treno:

Da Milano
Linea Mantova- Codogno- Cremona- Milano

Da Codogno
Linea Codogno – Cremona

Linea Mantova- Codogno- Cremona- Milano

Da Mantova
Linea Cremona – Mantova

Linea Mantova- Codogno- Cremona- Milano

Da Brescia
Linea Brescia – Cremona

Da Treviglio
Linea Cremona – Treviglio

 


1 thought on “Eccellenza del territorio cremonese: il Torrone”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *