Crema-La Torta Bertolina

Crema-La Torta Bertolina

Taste in Lombardia
La Torta Bertolina

 

Non si finisce mai di imparare, non si finisce mai di innamorarsi della propria terra, delle tradizioni, delle ricette che vengono custodite gelosamente e tramandate di generazione in generazione.

Io non ho nessun quaderno di ricette, non ho avuto questa fortuna, ma ho la faccia tosta ( ebbene sì, ce l’ho ) di chiedere, di documentarmi,
di leggere, di provare e riprovare le ricette che mi vengono regalate. Non da internet, ma da signore che con pazienza sopportano il mio stalkeraggio. 😉

 

Perchè io insisto, insisto e insisto perchè credo nella tradizione, nelle ricette tramandate,
perchè il passato è il nostro futuro.
Ed è giusto che non si dimentichi.

I miei ricordi della Torta Bertolina sono legati alla mia bisnonna. Una donna che io ho amato profondamente. Lei era la mia spalla ogni volta che piangevo. Lei si è portata via tanti mie piccole paure, tanti miei pensieri. Ogni volta che mia mamma faceva il turno di notte, lei era la mia compagnia.
Giocava a carte con me fino a tardi. A briscola. Non si stancava mai, tante volte si addormentava sulla sedia. Ma a me bastava che lei ci fosse. Mi bastava essere lì con lei. Io avevo 8 anni, mio papà era venuto a mancare da poco. Mia mamma era l’unica persona dal quale io faticavo a staccarmi. Con tutte le paure di una bambina. 

  
La mia bisnonna si chiamava Beatrice, come la mia mamma, Daniela Beatrice, ma tutti la chiamavano Bice.
Lei era sempre pronta ad aiutarmi, forse l’unica che mi capiva davvero, che mi stava vicino in qualsiasi momento. Era così con tutti i suoi nipoti. La sua porta era sempre aperta, la mattina, la sera, la notte. E quando cucinava il coniglio con la polenta non vi dico che profumino! Ma questo ve lo racconto un’altra volta.

Lei c’era. Aveva sempre una parola buona per tutti, un consiglio, una strigliata di orecchie, lei era la forza di tutti e tutto. Non si poteva non passsare da lei prima di tornare a casa.
Trainava una famiglia che ogni tanto si perdeva. Che poi si è persa dopo che anche mia mamma è venuta a mancare. Il suo carisma non era per tutti.

Ogni persona tira l’acqua al suo mulino a costo di allontanare l’altro. Lei no, lei divideva il mulino e l’acqua con tutta la famiglia. Lei era una donnina robusta e forte. Leggeva nel cuore e quando mi lamentavo di qualcosa lei mi diceva: devi capirla, non ha avuto un’educazione. Non ha ricevuto amore. Non posso dirvi a chi si riferiva, ma negli anni ha avuto ragione. Lei aveva sempre ragione su tutti.

Ma torniamo alla nostra torta 🙂

Crema-La Torta Bertolina
                                             Crema-La Torta Bertolina

 

La Torta Bertolina è un dolce tipico Cremasco, ogni famiglia ha la sua ricetta, tramandata dalla bisnonna, alla nonna, alla mamma e così via. Non esiste un’autentica ricetta di questa torta. Ce ne sono diverse.

C’è chi la fa di pane, chi a crostata ripiena e chi invece a torta.

I mesi adatti per preparare la Torta Bertolina sono settembre e ottobre, quando si trova l’uva fragola o uva americana. Spero vi piaccia questa qualità, è un’uva molto dolce.

 

In bicicletta da bambina andavo sempre a comprare una bella fetta di Torta Bertolina per la mia bisnonna in un negozio di alimentari.
A lei piaceva tanto e le piaceva solo quella che preparava questo negozietto di paese.

E dato che i gusti si tramandano, io non ho smesso la tradizione nemmeno dopo che lei è venuta a mancare.

 

Sono anni che provo a fare la Torta Bertolina dal sapore unico e inconfondibile come quella che mangiavo da bambina. Eppure dopo tanti tentativi, nessuna mi faceva tornare bambina come questa ricetta che vi sto per pubblicare.
Non è stato semplice averla. Sono stata con il fiato sul collo a questa signora per quasi cinque anni.
E proprio qualche settimana fa, ha ceduto.


Dite che si è messa una mano sul cuore? <3 O semplicemente non mi sopportava più? 😉

 

Crema-La Torta Bertolina
                                                                     Crema-La Torta Bertolina


Passiamo alla Ricetta!

Carta e Penna e Scrivete

Ingredienti:

125 gr Farina 00
1 uovo
100 gr Zucchero
45 gr Margarina Vegetale
1/2 Bustina di lievito Bertolini
  30 ml Latte
  un pizzico di Sale

250 gr Uva Fragola


Il procedimento è molto semplice, basta unire tutti gli ingredienti in una planetaria e azionarla. ( tranne l’uva fragola )

Lasciate amalgamare per bene per qualche minuto e il gioco è fatto!
  Nel frattempo pulite, lavate e asciugate l’uva fragola. Quando il vostro composto sarà ben amalgamato, unite i chicchi di uva.
L’uva fragola è molto delicata, dovrete fare attenzione a mescolarla per non romperla.
Con un pezzettino di burro passate la teglia , mettete un pizzico di farina, e versate il vostro composto.
Preriscaldate il forno a 180°C e lasciate cuocere la vostra Torta Bertolina per almeno 40 minuti.
Vi consiglio però la prova stecchino. Ogni forno ha le sue particolarità 😉
Potete aggiungere sopra un po’ di zucchero semolato se volete.

 

Che fatica scrivervi questo ricordo, ho avuto le lacrime agli occhi tutto il tempo!

Ma ora … forza! Mettetevi all’opera e non dimenticate di farmi sapere, aspetto un vostro commento!

 

 

 

Focaccia dolce-salata con uva fragola
                  Ph MumCakeFralis

 

 

 

Una focaccia con l’uva fragola? Si!
Vi consiglio quella di Lisa del Blog MumCakeFralis.  

 

 

Focaccia dolce-salata con uva fragola

 


4 thoughts on “Crema-La Torta Bertolina”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *