Skip to main content

Alghe Wakame Online

Migliori Alghe Wakame del 2024 – Guida all’Acquisto, Classifica e Recensioni

Alghe Wakame Online

Le alghe wakame, il cui nome botanico è Undaria pinnatifida, sono delle alghe brune originarie del Giappone e molto simili kombu.

Esse presentano foglie verdi, sono provviste di nervatura centrale e sono conosciute sia per il loro tipico sapore salino, sia per la consistenza liscia e particolarmente resistente alla masticazione.

Sono dunque un prodotto ideale da abbinare a verdure e portate di pesce, ma come si fa a scegliere quelle più adatte ai propri bisogni?

Questa guida all’acquisto è pronta a dare tutti i consigli e a chiarire ogni dubbio!

Tabella comparativa

1° Classificato

Pregi

Prodotto molto buono e sfizioso; prezzo conveniente rispetto alla quantità di prodotto presente all’interno del sacchetto; qualità eccellente.

Difetti

Dato che i clienti hanno trovato le alghe wakame Qingdao Youqing buonissime, non sono stati pubblicati commenti negativi.


2° Classificato

Pregi

Prodotto altamente digeribile; ideali per cuocere il riso; alimento privo di glutine e dunque adatto anche ai celiaci; la zip in plastica presente sulla parte superiore del sacchetto consente una perfetta conservazione del contenuto; ottimo articolo.

Difetti

Per le alghe wakame Cibo Crudo non sono stati segnalati lati negativi di alcun genere.


3° Classificato

Pregi

Confezione dal design elegante e ricercato; fantastica e originale idea regalo; cibo ad altissimo valore proteico.

Difetti

Alcuni clienti ritengono che all’interno della confezione sia presente un eccessivo numero di gambi.


Guida all’Acquisto – Come scegliere le migliori Alghe Wakame

Con lo scopo di scegliere le migliori alghe wakame, si consiglia di prendere in considerazione i tre criteri sotto citati.

1. Formato

Le alghe wakame sono disponibili in differenti formati; i più comuni sono fresco ed essiccato.

Quest’ultimo può essere consumato sia così, sia reidrato in acqua oppure brodo per qualche secondo.

2. Luogo di provenienza

Dopo la catastrofe nucleare avvenuta a Fukushima nel 2011, reperire le alghe wakame provenienti, oltre a essere molto difficile, è anche rischioso per la propria salute.

Meglio optare per prodotti provenienti da Cina, Australia, Corea oppure Europa, purché certificati e tracciati.

3. Lista degli ingredienti

Esistono alghe wakame al naturale oppure aromatizzate con erbe, spezie e quant’altro; queste ultime sono fantastiche per arricchire di gusto le proprie ricette.

Le Migliori Alghe Wakame – Classifica del 2023

Vediamo insieme la classifica completa e le recensioni delle migliori alghe wakame che abbiamo testato.

1° – Qingdao Youqing alga wakame

Sacchetto in plastica contenente due etti di alghe wakame essiccate e prodotte dal marchio cinese Qingdao Youqing.

Descrizione prodotto

Prodotto caratterizzato da un gusto delicato e dunque ideale con verdure bollite.

Esso è inoltre l’ingrediente chiave di zuppe di miso, minestre e insalate estive.

Conservare la confezione, sia chiusa che aperta, lontano da fonti calde e umide.

Principali vantaggi
  • Prodotto molto buono e sfizioso;
  • prezzo conveniente rispetto alla quantità di prodotto presente all’interno del sacchetto;
  • qualità eccellente.
Principali svantaggi
  • Dato che i clienti hanno trovato le alghe wakame Qingdao Youqing buonissime, non sono stati pubblicati commenti negativi.

2° – Alghe wakame essiccate al sole Cibo Crudo

Sacchetto contenente quaranta grammi di alghe wakame marine biologiche lavorate dal marchio italiano Cibo Crudo, specializzato nella distribuzione di prodotti naturali e amici dell’ambiente.

Descrizione prodotto

Alghe wakame essiccate, biologiche certificate e provenienti dai mari incontaminati della Spagna.

Una volta raccolte, vengono lasciate asciugare al sole in modo del tutto naturale, così da preservare le preziose caratteristiche organolettiche quali Omega 3, Omega 6, fucoxantina e iodio.

Modalità d’uso: lasciare ammollo il prodotto in acqua per dieci minuti, tempo che consente l’aumento del volume pari a sette volte.

Queste alghe possono essere utilizzate per preparare riso, zuppe di miso e dashi.

Conservare l’alimento lontano da luce e umidità.

Principali vantaggi
  • Prodotto altamente digeribile;
  • ideali per cuocere il riso;
  • alimento privo di glutine e dunque adatto anche ai celiaci;
  • la zip in plastica presente sulla parte superiore del sacchetto consente una perfetta conservazione del contenuto;
  • ottimo articolo.
Principali svantaggi
  • Per le alghe wakame Cibo Crudo non sono stati segnalati lati negativi di alcun genere.

3° – Umami Alghe Wakame Bio

Umami Alghe wakame bio raccolte in Irlanda, essiccate al sole, grammi.

Descrizione prodotto

Alghe wakame raccolte nel mare irlandese dallo staff di un’impresa a conduzione familiare che tramanda tale tradizione da ben quattro diverse generazioni.

Prodotto senza glutine, ideale per vegetariani e vegani.
Prima di usare le alghe, immergerle per qualche minuto in acqua tiepida per farle reidratare.

Principali vantaggi
  • Confezione dal design elegante e ricercato;
  • fantastica e originale idea regalo;
  • cibo ad altissimo valore proteico.
Principali svantaggi
  • Alcuni clienti ritengono che all’interno della confezione sia presente un eccessivo numero di gambi.

4° – Alghe Wakame di Prima qualità Yutaka

Sacchetto contenente mezzo chilo di alghe wakame essiccate prodotte dal marchio Yutaka.

Descrizione prodotto

Alghe wakame pronte in soli tre minuti, tempo necessario per farle reidratare in acqua.

Una volta aperto il sacchetto, non serve riporlo in frigorifero, basta solo una dispensa ben asciutta e fresca.

Principali vantaggi
  • Buon rapporto qualità/prezzo;
  • gusto molto piacevole;
  • alghe semplici da separare;
  • il quantitativo presente all’interno del sacchetto assicura lunga durata.
Principali svantaggi
  • Prodotto non biologico.

5° – Yutaka Alghe Wakame

Sacchetto richiudibile contenente quaranta grammi di alghe wakame prodotte dal marchio Yutaka.

Descrizione prodotto

Le alghe wakame Yutaka, oltre a essere di altissima qualità, permettono di regalare un tocco di sapore extra non solo alle ricette orientali, ma anche a quelle nostrane, basti pensare alla zuppa di pesce e all’impepata di cozze.

Una volta lasciate ammollo per qualche minuto in acqua, aumenteranno di volume e potranno essere utilizzate secondo la propria ispirazione del momento.

Si raccomanda un ulteriore risciacquo delicato prima dell’uso, in modo da eliminare la salinità in eccesso.

Principali vantaggi
  • Ottima resa;
  • per arricchire i piatti ne basta una minima quantità;
  • sapore magnifico;
  • prodotto molto versatile;
  • il formato da quaranta grammi si rivela perfetto sia per le persone che non usano abitualmente le alghe wakame, sia per coloro che desiderano introdurle per la prima volta nella loro dieta;
  • il piccolo oblò trasparente presente sulla parte anteriore della busta consente di monitorare costantemente la quantità presente al suo interno.
Principali svantaggi
  • Alcune persone ritengono che l’odore di queste alghe sia alquanto sgradevole;
  • prodotto per nulla biologico.

Alghe wakame: risposte alle domande più comuni

La parte finale della guida all’acquisto sulle alghe wakame ha il compito di rispondere alle tre domande più comuni, così da fornire un quadro completo riguardo il suddetto prodotto.

A cosa servono le alghe wakame?

Le alghe wakame sono delle ottime apportatrici di sali minerali, proteine e vitamine, specie ferro, magnesio, calcio e iodio.

Proprio per la presenza di quest’ultima sostanza, le alghe wakame vengono consigliate per il riequilibrio delle attività della tiroide, poiché incrementano il metabolismo.

I minerali presenti all’interno della loro composizione sono inoltre utili per rinforzare le ossa, bilanciare gli ormoni e alleviare i dolori premestruali.

Non sono poi da dimenticare lo spiccato potere di prevenire il tumore a seno e colon, colesterolo in eccesso e pressione alta.

Infine, trattandosi di una fantastica fonte di Omega 3, sono perfette contrastare depressione, ansia, alleviare i sintomi dell’artrite, favorire la buona salute della pelle e attenuare le infiammazioni.

Quali sono le controindicazioni delle alghe wakame?

Essendo le alghe wakame particolarmente ricche di iodio, in caso di problemi alla tiroide, si raccomanda vivamente di consultare il proprio medico.

Oltre a ciò, le alghe wakame non danno particolari problemi, anzi contengono pochissime calorie (solo 45 ogni cento grammi) e sono delle valide alleate per le diete dimagranti.

Come si cucinano le alghe wakame?

Le alghe wakame trovano ampio spazio in cucina, a partire dalla famosissima zuppa di miso, a cui seguono insalate, salse, condimenti per carni, pesce, ortaggi e molto altro ancora.

Di solito bisogna farle rinvenire in acqua, ma nessuno vieta di sbriciolarle direttamente sulle portate per regalare loro un tocco croccante.

Altra idea più: una volta reidratate, asciugarle bene e friggerle in olio caldo.